Rosso di Cerignola Doc

Pubblicato da disciplinare Nessun commento

Il vino “Rosso di Cerignola” deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dai
seguenti vitigni nella percentuale appresso indicata:
Uva di Troia non meno del 55%;
Negro amaro dal 15 al 30%;
Sangiovese, Barbera, Montepulciano, Malbeck e Trebbiano toscano, da soli o congiuntamente, fino
ad un massimo del 15%.
Le uve destinate alla produzione del vino “Rosso di Cerignola” devono essere prodotte nella zona
che comprende: il territorio del comune di Cerignola, salvo la parte non idonea a produzioni
vinicole con le caratteristiche previste dal presente disciplinare; l’intero territorio dei comuni di
Stornara e Stornarella; le isole amministrative del comune di Ascoli Satriano intercluse nel territorio
del comune di Cerignola. Provincia di Foggia

La zona geografica delimitata dal disciplinare di produzione comprende in provincia di Foggia, il
territorio del comune di Cerignola, salvo la parte non idonea a produzioni vinicole con le
caratteristiche previste dal presente disciplinare; l’intero territorio dei comuni di Stornara e
Stornarella; le isole amministrative del comune di Ascoli Satriano intercluse nel territorio del
comune di Cerignola.
La pedologia del suolo presenta le classiche terre derivate dalla dissoluzione delle rocce emerse dal mare, caratterizzate dalla loro ricchezza di potassio e la relativa povertà di sostanza organica che costituiscono un privilegiato substrato per la coltivazione di varietà di uve per vini di pregio. I
terreni, tendenti all’argilloso ed argilloso-limoso in alcune zone, sono poveri di scheletro affiorante, sufficientemente dotati di elementi minerali, capaci di conservare un buon grado di umidità. La roccia madre si trova ad una profondità tale da garantire un buon strato di suolo alla vegetazione.
Quando però la “crusta” è superficiale viene opportunamente macinata dando origine a veri e propri terreni bianchi ricchissimi di scheletro ma non di calcare attivo. Generalmente sono di medio impasto, profondi, poco soggetti ai ristagni idrici, di reazione tendenzialmente neutra, di buona struttura e con un ottimale franco di coltivazione.
L’altitudine delle aree coltivate a vite è compresa tra 60 e i 250 metri sul livello del mare e con un’ escursione altimetrica, quindi, di 190 metri. La giacitura dei terreni è prevalentemente piana. Le pendenze, quando presenti, sono lievi e concentrate nei territori a ridosso del Sub Appennino
Dauno.
Il clima è del tipo caldo arido, con andamento pluviometrico molto variabile e precipitazioni che, a seconda delle annate, vanno dagli 650 mm ai 400 mm di acqua, concentrate per circa il 70% nel periodo autunno-invernale. Considerato l’andamento riferito al periodo vegetativo della vite, che è compreso da aprile a settembre, si riscontrano valori di precipitazione molto modesti aggiratesi sui 250 mm. di pioggia. Non sono rare estati senza alcuna precipitazione, la Puglia deve il suo nome dal latino apluvea. L’andamento medio pluriennale termico è caratterizzato da elevate temperature che raramente superano i 30-35° C e scendono sotto 0° C. Durante il periodo estivo le temperature minime difficilmente scendono sotto i 18° C.


2 Fattori umani rilevanti per il legame.
La città di Cerignola è posta al centro del Tavoliere, fra le colline del Preappenino Dauno ed il
mare. L’antropizzazione del territorio oggetto della DOP già in epoca preistorica dimostra quanto
esso fosse vocato alla coltivazione di piante arboricole aldilà della produzione cerealicola. La storia di Cerignola risulta essere abbastanza incerta, sebbene iscrizioni e reperti archeologici rinvenuti nel suo territorio ne attestino lo sviluppo a partire dalla dominazione romana, durante cui divenne Municipium.
La testimonianza cartacea più antica relativa alla città è uno scritto risalente al 1150, tratto dal
"Codice diplomatico barese", in cui si fa riferimento ad una “domum Malgerii Cidoniole”; in realtà
la presenza della Chiesa Madre, risalente almeno al X secolo, anticiperebbe la datazione di duecento anni.

Resti della via Traiana
Il territorio che circonda l'attuale Cerignola è abitato sin dal Neolitico, come testimoniano le tracce risalenti a tale periodo rinvenute dagli archeologi. L'abbondante selvaggina e gli estesi pascoli verdi portarono alla nascita di numerosi insediamenti tra cui era fitto lo scambio di merci; villaggi sorsero sia nell'entroterra (nella zona di Ripa Alta), che poco distanti dal mare (nell'antica zona di Salapia).
Le tracce giunte sino ai giorni nostri, appartenenti all'Età del Bronzo (2000 a.C. circa) o all'Età del
Ferro (1000 a.C. circa), ci raccontano di villaggi ad economia agro-pastorale ben organizzati, al
punto da disporre di mura e guerrieri.
Nel IV secolo a.C. la civiltà Dauna raggiunse l'apice del proprio splendore arrivando a occupare
l'intero Tavoliere; tuttavia nello stesso periodo i Romani sottrassero loro le medesime terre al fine di assegnarle a nobili e veterani di guerra. Fino alla caduta dell’Impero romano nel 476 d.C., la
maggioranza dei terreni risultava divisa in appezzamenti di varia estensione, lasciati a pascolo o
coltivati a cereali; i campi più vasti erano curati da delegati di ricchi cittadini romani, mentre i
terreni più modesti erano lavorati da agricoltori veterani di guerra. Per tale ragione il territorio
circostante l'abitato di Cerignola è ricco di ville e fattorie, come ad esempio in località Ripa Alta,
Tavoletta e Posta Fara (nella valle dell’Ofanto), San Marco (in direzione di Canosa) e ancora San
Vito e Cerina (in prossimità dell'antica Salapia).
Le produzioni agricole e zootecniche, derivanti dal massiccio sfruttamento dell'agro limitrofo alla
città, raggiunsero volumi tali per cui si rese necessaria la realizzazione di un'efficiente rete viaria
che ne permettesse il trasporto verso i porti sull’Adriatico e verso le principali città, Roma
compresa. Il notevole flusso di merci e persone spinse l'imperatore Traiano a far costruire una
strada che collegasse Benevento a Brindisi e che porta il suo nome.
In molti fanno risalire la nascita di Cerignola al 500 a.C. circa, in seguito alla distruzione dell'antica Cerina (o Kerina) sul fiume Fortore (dove un tempo passava la via Traiana); la città fu rasa al suolo da Alessandro I d'Epiro, detto il Molosso, durante la guerra greco-romana nel 324 a.C.
Gli abitanti rimasti in vita si insediarono inizialmente nelle campagne circostanti fondando una serie di borghi e successivamente pensarono di unirsi per dar vita a quella che sarebbe diventata la nuova Cerignola; per motivi di sicurezza gli abitanti disposero la nascita del paese a nord del castello del Curatore romano (sito dove attualmente sorge il Borgo Antico, anche chiamato Terra Vecchia), presidiato da una guarnigione di soldati ivi residente. Il Curatore (Curator annonae) era l'affidatario dell'oppidum, ossia un centro di raccolta e conservazione del frumento oggi conosciuto come "Piano delle Fosse". Le fosse granarie, prima diffuse in tutta la Daunia e oggi presenti solo a Cerignola, testimoniano una speciale modalità di conservazione del grano in silos sotterranei. La colonia insediatasi battezzò il luogo Ceriniola (o Keriniola), ovvero: piccola Cerina, in memoria della loro città d'origine.
Il borgo antico di Cerignola mantiene ad oggi quasi inalterata la sua fisionomia di borgo medievale, costituendo quindi un patrimonio storico-culturale da rivalutare.
Il territorio nel corso dei secoli ha subito trasformazioni, ma ha sempre avuto nella vite una delle
sue principali coltivazioni.
Elementi determinanti per imprimere le peculiarità di un vino sono il vitigno, l’ambiente e di
fondamentale importanza sono anche i fattori umani presenti nel territorio di produzione che hanno inciso da sempre sulle caratteristiche del vino.
Il territorio interessato dalla produzione dei vini “rosso Cerignola” presenta un paesaggio agrario
caratterizzato da un’estesa pianura, su cui insistono coltivazioni più o meno intensive, erbacee ed
arboree e macchie di vegetazione spontanea mediterranea che costituiva la copertura naturale del territorio prima della presenza dell’uomo. Il paesaggio rurale attualmente è caratterizzato da numerose masserie che testimoniano la storia agricola del territorio. I vigneti sono per la maggior parte di medie e piccole dimensioni, nei quali la scelta dei vitigni predominanti è stata fatta con felice intuizione al fine di sfruttare al massimo le caratteristiche del territorio, per produrre ottimi vini con la denominazione ““rosso Cerignola”.
L’incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale
definizione dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente
disciplinare di produzione:

-base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione del vino Rossi e Rosati. in
questione, sono quelli tradizionalmente coltivati da sempre nell’area geografica considerata:
vitigni Sangiovese, Montepulciano, Lambrusco Maestri e Trebbiano Toscano presenti nei vigneti,
da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 40% del totale. La presenza nei vigneti delle
varietà di vitigni Lambrusco Maestri e Trebbiano Toscano disgiuntamente non dovrà superare il
10% del totale delle viti Le caratteristiche ampelografiche sono specificate nell’art. 2 del presente
disciplinare.

-le forme di allevamento, i sesti d’impianto e i sistemi di potatura: anche questi elementi sono
quelli tradizionali e comunque sono tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla
superficie delle viti, sia per agevolare l’esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la
razionale gestione della chioma, permettendo di ottenere una adeguata superficie fogliare ben
esposta e di contenere le rese di produzione di vino entro i limiti fissati dal disciplinare:
Le forme di allevamento prevalentemente utilizzate nella zona sono la Spalliera, il Controspalliera e il Tendone.

-I sistemi di potatura adottati sono: per l’allevamento a Spalliera, e Controspalliera la potatura corta (al momento della potatura vengono lasciate 2 speroni con 3-4 gemme per ciascuna delle 2 o 3 branche), o la potatura mista ( sperone e capo a frutto con circa 8-10 gemme), per l’allevamento a Tendone, è utilizzata una potatura un po’ più lunga con una carica di gemme sul tralcio, compresa tra 8-15. La densità di impianto varia da circa 3000 - 5000 ceppi per la spalliera e controspalliera a circa 1600 – 2200 ceppi per il Tendone.

-le pratiche relative all’elaborazione dei vini, sono quelle tradizionalmente consolidate in zona per
la vinificazione dei vini rossi e rosati ; per i rossi si attua una macerazione lunga con pratiche di
lisciviazione della buccia tali da non inficiare la qualità , mentre i rosati sono prodotti con il
cosiddetto processo a “lacrima” ossia una vinificazione in bianco delle uve rosse per sola
sgrondatura del mosto.


B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
La DOC “Rosso Cerignola” presenta caratteristiche molto evidenti e peculiari sia dal punto di
vista analitico che organolettico che ne permettono una chiara individuazione legata all’ambiente
geografico.
I vini della zona di produzione tutto il territorio del comune di Cerignola, salvo la parte non idonea a produzioni vinicole con le caratteristiche previste dal presente disciplinare; l’intero territorio dei comuni di Stornara e Stornarella; le isole amministrative del comune di Ascoli Satriano intercluse nel territorio del comune di Cerignola. Le seguenti le caratteristiche organolettiche:
Rossi – un colore rosso rubino con riflessi violacei, che tende leggermente al granato con l’invecchiamento;
odore: di frutta rossa, principalmente amarene e ciliegie, con sentori di speziato ; sapore asciutto, caldo, secco, giustamente tannico. 


C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera B).
L’orografia e l’esposizione, concorrono a determinare un ambiente aerato e luminoso, con un suolo naturalmente sgrondante dalle acque reflue per percolazione, particolarmente vocato per la
coltivazione dei vigneti idonei a produrre i vini a Doc” “Rosso Cerignola”.
Anche la tessitura e la struttura chimico-fisica dei terreni interagiscono in maniera determinante con la fisiologia della vite, contribuendo all’ottenimento delle peculiari caratteristiche fisico chimiche ed organolettiche dei vini “Rosso Cerignola” In particolare trattasi di terre che presentano un buon contenuto di elementi nutritivi e proprio in virtù di tali caratteristiche sono idonei ad una vitivinicoltura di qualità, conferendo ai vini particolare freschezza ed armonia.
Il clima della zona di produzione, come già detto è del tipo caldo-arido, caratterizzato da
precipitazioni non abbondanti, con scarse piogge estive ed aridità nei mesi di luglio e agosto. L’
ancora ottima insolazione nei mesi di settembre ed ottobre, consente alle uve di maturare
lentamente e completamente , contribuendo in maniera significativa alle particolari caratteristiche
organolettiche del vino “Rosso Cerignola”. Tutto quanto descritto, è la testimonianza di come
l’intervento dell’uomo nel particolare territorio abbia, nel corso dei secoli, tramandato le
tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le quali nell’epoca moderna e
contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all’indiscusso progresso scientifico e
tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini “Rosso Cerignola”

VITIGNI

* BARBERA N. (MAIN)
* NEGROAMARO N. (MAIN)
* MONTEPULCIANO N. (MAIN)
** Malbech N (OIV)
* SANGIOVESE N. (MAIN)
** Uva di Troia N (OIV)
** TREBBIANO TOSCANO (MAIN)

Ricerca rapida : Cerca con le categorie Disciplinari, Vini, Doc, Dop o con i tag Rosso di Cerignola, disciplinare, doc, dop, vino, puglia, foggia